FIORELLA


Ciao Giancarlo,

ho letto la “pagella” del pelosone, ti ringrazio per le note che hai scritto a mano...

Bellissima anche la definizione della nuova razza di Max, simpatica.

Quando sabato siamo usciti dal campo e siamo ripartiti non siamo riusciti più a parlare per almeno un paio d'ore, qualsiasi parola sarebbe stata fuori luogo e adesso sono qui per esprimerti tutta la nostra gratitudine per averci permesso di scoprire la parte migliore del cane che abbiamo voluto salvare senza porci all'inizio troppi problemi, ed anche per averci fatto scoprire un essere umano (tu) degno del nome che porta (umano)...

Senza il tuo prezioso aiuto la vita sarebbe stata un incubo per noi e per lui...

Abbiamo avuto tanti cani, piccoli, medi, bastardoni e di razza, trovati, salvati da canili e dalla strada, ma nonostante questo non eravamo assolutamente in grado di gestire una forza della natura come Max, un selvaggio piombato nella nostra vita come un meteorite dal cielo!

In un anno abbiamo dovuto salutare, uno in fila all'altro, quattro dei nostri vecchissimi compagni di strada, la dottoressa ------------- sa bene il calvario e tu anche...

L'irruenza e l'ingestibilità di Max mi avevano gettata in uno stato di prostrazione, di impotenza e anche di dubbio sulle mie reali capacità ad essere veramente generosa con questa creatura nuova: tu mi hai dato i mezzi per uscire da tutto questo e per ritrovare la gioia di comunicare col cane, il piacere di passeggiare con lui, di vederlo giocare con gli altri cani nel branco...

Lo so che questo è solo un punto di partenza, il senso di abbandono e di distacco provato nel varcare il cancello del tuo centro sabato scorso, adesso si è trasformato in desiderio di cose nuove da fare con Max appena sarà pronto, verremo a verificare con te i progressi fatti e magari a fare dell'agility con Marina, vedremo insieme.

Insomma, grazie grazie mille volte.

A prestissimo, un forte abbraccio

Fiorella