Scritto da voi

MERLINO


Decima lezione...

(tra la nona e la decima mi hanno tagliato la pancia!Son birichino...ho mangiato un tappo!)


Sono diventato un cagnolone veramente bravo!

Grazie Giancarlo,

con la tua grande esperienza ho imparato molte cose nuove.

Con i tuoi gesti affettuosi e gentili, con tanta pazienza, mi hai regalato bellissimi momenti di impegno e di gioco... mi mancavano.

Grazie soprattutto perchè hai saputo trasmettere la tua forte passione ed hai insegnato a chi mi sta accanto come comunicare con me, come capirmi.Come chiedere...invece di imporre!

Per la mia conduttrice c'è ancora molto da “fare” ma sono sicuro che con i tuoi preziosi consigli non potrà che migliorare.

Da parte mia e sua,GRAZIE...

Le hai insegnato tantissimo, e non solo come cambiare tono quando mi parla...Le hai insegnato tantissimo anche a livello umano contribuendo così a rafforzare i valori in cui crede e la convinzione che nella vita, un po' di umiltà, di pazienza, il rispetto e l'impegno alla fine premiano sempre.

Semplicemente grazie...

Grazie per averci regalato la possibilità di incontrare una bellissima persona, un AMICO... TU!

Il tuo allievo

Merlino



THOR


Carissimo Giancarlo

Si ricorda ancora di Thor? Ritengo sia stato uno dei suoi casi più difficili. Un pastore tedesco di circa 7 mesi, ma già con dei gravi problemi: aggressivo e mordace verso gli estranei e verso gli altri cani, ribelle ad ogni forma di disciplina ed emotivamente instabile. Era una pistola senza sicura e quando mi presentai alla sua prima lezione avevo paura di essere rifiutata. Ero una donna anziana con un cane così tremendo, ma lei accettò la sfida e ci ammise. Quando, dopo alcune lezioni le dissi che il cane era pazzo lei rifiutò questo giudizio.

Mi fece capire che non esistono cani pazzi ma solo cani con dei problemi, e che mi avrebbe aiutato a capire quelli di Thor.

Ammetto che ero molto scettica e stavo valutando, molto seriamente, l'ipotesi di farlo sopprimere. Lei mi convinse a concedere ancora una possibilità a quel cane così bello e così tremendo!

Le lezioni, si ricorda? Erano tremende per me e per gli altri cani ma lei non si arrendeva. “Non molli signora, non molli” continuava a ripetermi, “mi aiuti, faccia come le dico”.

Capii, allora, che la scuola non era solo per Thor ma che anch'io ero lì per imparare. L'educazione o rieducazione del mio cane era una strada difficile ma dovevamo percorrerla insieme!

Lei aveva ragione nel chiedere di continuare la scuola anche a casa, non era poi così difficile. Non c'è stato un solo giorno ch'io non abbia concesso 10 minuti del mio tempo a Thor: un po' di addestramento e un po' di gioco, però se gli davo un comando fin quando non ubbidiva rimanevo li, a costo di mandare all'aria tutti i miei programmi, e alla fine lui cedeva!

Piano piano sono riuscita a farmi capire dal mio cane ma cosa molto più importante, sono io che ho capito il mio cane! E' stato bellissimo e di questo le sono e le sarò sempre grata.

Perchè le ho scritto? Perchè vorrei un favore e nello stesso tempo fare un favore ad altri.

Quando le si presenterà qualche allievo un po' difficile, racconti al suo proprietario di Thor gli dica, come disse a me, che la parola impossibile non esiste. Racconti di Thor, già condannato a morte, che grazie alla sua pazienza, abilità e si, anche amore, si è trasformato nel cane che tutti vorrebbero avere. E' buffo vedere un cane come Thor, grande e grosso che obbedisce a un cenno o ad uno sguardo di un'anziana signora che pesa meno di lui!

Adesso è un cane felice, socializza con tutti: cani e padroni ed io sono più felice di lui! Continuo sempre a dargli un po' del mio tempo, tutti i giorni, ma la cosa non mi pesa, mi diverte inventare nuovi esercizi o nuovi giochi, oramai la strada è tutta in discesa!

Grazie e ancora grazie e a tutti i suoi allievi:

NON MOLLATE, RICORDATEVI DI THOR!


Graziani Angiola Gabbanini


SCRITTI, LETTERE DI ALCUNI DI QUELLI CHE CI HANNO CONOSCIUTO. IL MATERIALE VIENE PUBBLICATO COME RICEVUTO, NON VENGONO APPORTATE CORREZIONI. (NATURALMENTE GLI ORIGINALI SONO IN MIO POSSESSO)